Cristiano Iurisci – Passi di V° – Sabato 3 Novembre 2018

2018 Novembre 3 Biblioteca -Cristiano Iurisci – Passi di V

le creste di Calecchie – Domenica 23 Settembre 2018

ITINERARIO: percorso panoramico che attraversa il fiume Cesano. Il sentiero si inoltra all’interno di un bosco ombreggiato fino alla balza dell’ aquila e alle sorgenti del fiume. Prosegue poi in un ambiente prativo con spunti panoramici sul monte Strega e percorre infine le creste di Calecchie.
DISLIVELLO: 500 m
PERCORSO: 7 Km
TEMPO DI PERCORRENZA: 3 h soste escluse
LIVELLO DI DIFFICOLTA’: E
RITROVO: 8 h al Parcheggio di V.le Moccia; incontro 8:40 h al bivio di Fonte Avellana a Serra S. Abbondio.
RIENTRO : nel primo pomeriggio
MATERIALE CONSIGLIATO :Scarponcini da trekking , bastoncini, zainetto con alimenti e bevande. Durante il percorso non c’è possibilità di fare rifornimento d’acqua.

L’escursione è riservata ai soli soci CAI in regola con il tesseramento per il 2018

Ulteriori dettagli …

Autunno con il CAI 2018 – 30 Settembre

escursione in montagna – domenica 16 Settembre 2018

Pontechiaradovo – Eremo di Grottafucile (m.397) – Monte Revellone (m.843) – Castelletta (m.606) – Valgiubbola (m.485) – Falcioni – Pontechiaradovo
DESCRIZIONE: Dal parcheggio presso l’area pic-nic di Pontechiaradovo, si sale fino a raggiungere l’Eremo di Grottafucile, per poi seguire il sentiero 108 che ci porterà verso la cima del Monte Revellone.
Si scende fino a raggiungere il borgo di Castelletta, e si prosegue lungo il sentiero 118 sempre scendendo verso l’abitato di Valgiubbola; si chiude l’anello passando per Falcioni ed arrivando a Pontechiaradovo.

DISLIVELLO: circa 650 m  – PERCORSO: 10 Km circa
TEMPO DI PERCORRENZA: 4/5 h soste escluse
LIVELLO DI DIFFICOLTA’: E
PARTENZA:
ore 8.00 Fabriano – Parcheggione di Viale Moccia
ore 8.30 area pic-nic di Pontechiaradovo – Genga (AN)
Materiale consigliato: scarponi da trekking ed antipioggia (obbligatori), bastoncini, abbigliamento adeguato alla stagione, zaino con alimenti e bevande (pranzo al sacco).
L’escursione è aperta ai soci CAI, in regola con il tesseramento per il 2018.

Il responsabile dell’escursione ha la facoltà di non accettare i partecipanti non adeguatamente attrezzati o persone non ritenute idonee ad affrontare il percorso.
L’adesione all’iniziativa implica la conoscenza e l’accettazione dei regolamenti e  delle polizze assicurative CAI.

 

Per maggiori informazioni scarica la locandina

ESCURSIONE IN MONTAGNA DOMENICA 16 SETTEMBRE 2018
ESCURSIONE IN MONTAGNA DOMENICA 16 SETTEMBRE 2018
ESCURSIONE-IN-MONTAGNA-DOMENICA-16-SETTEMBRE-2018.pdf
188.9 KiB
25 Downloads
Dettagli...

Primavera Fabrianese 2018

vai su Primavera Fabrianese 2018vai su Primavera Fabrianese 2018

Alpe della Luna – Domenica 6 Maggio 2018

Itinerario: Parchiule (570m slm), Colle Quarantelle (998m slm), Sbocco di Bucine (1222m slm). Ritorno per il Rio della Villa.
Dislivello in salita: 1074m (pendenza max 43.6%, media 13.3%)
Tempo di percorrenza: 5h 30m (soste escluse) – Lunghezza: 14 km
Difficoltà: E – tratto in discesa ripida fuori sentiero
Partenza: ore 8.00 dal piazzale Maestri del Lavoro (parcheggio angolo via Moccia, via dei Cappuccini); incontro ore 9.30 a Borgo Pace (Palazzo del Comune) oppure 9.45 al cimitero di Parchiule.
Rientro: in serata
Equipaggiamento: normale attrezzatura e abbigliamento da montagna.

L’escursione è riservata ai soli soci CAI in regola con il tesseramento per il 2018.
I responsabili dell’escursione hanno la facoltà di non accettare i partecipanti non adeguatamente attrezzati o persone non ritenute idonee ad affrontare il percorso.

Per maggiori informazioni scarica la locandina

AlpeDellaLuna6Maggio2018 Locandina
AlpeDellaLuna6Maggio2018 Locandina
AlpeDellaLuna6Maggio2018.locandina.pdf
1.2 MiB
78 Downloads
Dettagli...

Domenica 25 febbraio 2018 ore 17 – Oratorio della Carità – Fabriano

Presentazione del libro di Elio Palego – Karakorum Hunza ’83

Soggiorno estivo – Luglio a Racines (Vipiteno)

Sono aperte le iscrizioni per il soggiorno estivo 2018, a Racines (Vipiteno),dal 22  al 29 luglio. L’iniziativa è riservata a soci CAI in regola con il tesseramento 2018 e a loro familiari.

La scadenza delle iscrizioni è fissata per il 27 gennaio.
In allegato la locandina con la proposta di strutture ricettive, informazioni sulle attività, modalità di iscrizione.

Per rinnovare il tesseramento o iscriversi al CAI per il 2018 vedi – area TESSERAMENTO 2018

2018 Luglio Soggiorno Estivo A Racines Locandina Con Informazioni
2018 Luglio Soggiorno Estivo A Racines Locandina Con Informazioni
2018-Luglio-soggiorno-estivo-a-Racines-locandina-con-informazioni.pdf
1.6 MiB
163 Downloads
Dettagli...

Befana Speleo in piazza del Comune a Fabriano

Sabato 6 Gennaio 2018 ore 17:30 a Fabriano in piazza del Comune. Il gruppo Speleo CAI Fabriano con il Comune di Fabriano e la Protezione Civile organizzano le Befane Volanti.

E’ tempo di …. SCRAMBLING

di Mauro Chiorri

Il primo suono di questa parola mi è arrivato, nel 2011, dall’amico Ermanno Pizzoglio di Biella (tra i più forti e completi alpinisti che conosco) durante una serie di escursioni in Cappadocia da lui guidate.
Alla fine di una di queste escursioni, durante la pausa di riposo, imbocca un sentierino che porta in direzione di una serie di massi più o meno levigati e bellissimi.
Uno sguardo e via veloci arrampicando su e giù con brevi intervalli di sentiero; ci segue la intrepida Sabrina. Alla fine un bicchiere di freschissimo vino, un brindisi e….”abbiamo fatto un po’ di scrambling!”
In seguito più volte ho pensato a questo suono, tra il gutturale ed il melodico, che man mano si è sedimentato nella mia percezione fino a diventare una necessità.

A volte ne parlo con lui e, tra l’altro, vien fuori che un suo amico alpinista e collaboratore di Genova è ben informato: è Andrea Parodi. Vado in “rete” ed ecco subito apparire un “racconto pubblicato anche nella “Rivista della Montagna” n. 290 (giugno-luglio 2007), dove sono pure descritti alcuni itinerari di “scrambling” nelle Alpi Marittime e Cozie meridionali).

Ecco anche anche una breve definizione di Corrado Conca, laureato in Scienze del Turismo Culturale presso l’Università di Sassari Guida Escursionistica ed attivissimo in tante attività outdoor:

Poco da aggiungere, solo alcune considerazioni calandoci nella realtà fisica (e quindi mentale per gli eventuali praticanti) relativa al nostro territorio.
Tra molte zone alpine, il territorio sardo ed altre particolarmente rocciose c’è un abisso con ciò che troviamo qui: tanta vegetazione, boschi, macchie, rovi ecc.
Allora farei subito una prima distinzione tra itinerari Classici e quelli di Avventura.
Ad esempio percorrendo la cresta Sud del Dente del Catria da Isola Fossara, la cresta N.O. del Revellone da Falcioni, la Via Alvap da Pioraco si trovano condizioni note e codificate quindi sicure (sempre nei limiti dettati dalla capacità e dalle condizioni meteo). Prima dell’avvento dello Scrambling (ammesso di voler “entrare” in questa nuova tecnica), quindi oggi, tale percorsi sono identificati come difficoltà EE – EEA con passaggi di I-II grado e PD (III); sono frequentati, relazionati, mappati, alcuni inseriti nella segnaletica Cai. Da ultimo, breve e molto interessante, c’è il Sentiero dei Gradoni di S. Silvestro dalla vecchia statale della Gola della Rossa con difficoltà EE.
Sono quindi tra i Classici con l’aspetto più rilevante (quello che fa la differenza con i sotto citati) è che sono “puliti”.

Ho iniziato a cercarne altri e, ad oggi, ne ho trovati sei. Sono per cresta, abbastanza logici ed interessanti ma non paragonabili ai suddetti. La ricerca è stata lunga e faticosa, la percorrenza abbastanza impegnativa in particolare per l’accesso, i passaggi in roccia e su ripidi tratti misti a roccette friabili, erba, vegetazione, rovi, alberelli (a volte provvidenziali). Inoltre per le vie di fuga, l’uscita, il rientro per il quale ho scelto i sentieri.
Non sono assolutamente da considerare delle prime; non ho la minima idea se già percorse, come e da chi. Poco importa. L’ho fatto calandomi nella logica e nella filosofia delle Scrambling, in particolare per mai sopiti stimoli di ricerca quindi di Avventura. Tutto in libera (con corda e qualche accessorio nello zaino).
Ecco, quindi, perché i percorsi di Avventura potrebbero andare a far parte, come fratelli minori, di quelli Classici. Potrebbero, perché la prima azione da fare è quella di ripulirli “dalla testa ai piedi” (il tali casi la pulizia inizia dall’alto).

In un primo tempo ho pensato di non darne notizia perché mentre per alcuni potrebbero essere di facile percorribilità per altri, meno esperti, potrebbero divenire pericolosi.
Anche ora che ho deciso di andare in onda preferisco fermarmi alla prima fase cioè solo quella di informare su questa novità perché in mesi di domande non ho mai trovato un benchè minimo riscontro e quindi…

Ben arrivato… SCRAMBLIG

Mauro Chiorri

Mi rendo disponibile per ulteriori informazioni con mail a: mauro.chiorri@alice.it